mini rollè di lonza ripieni con scalogno caramellato

 Continua la mia ricerca di piatti originali e semplici ,questo che ho deciso di presentarvi oggi ,è o mio avviso un secondo veramente molto eclettico,mini rollè di lonza ripieni con scalogno caramellato . Io lo preparato in versione mini e a differenza della ricetta che mi aveva incuriosito o utilizzato delle fettine sottili di lonza di maiale al posto dei medaglioni, e per renderlo più delicato o utilizzato al posto dello speck, del prosciutto crudo dolce,accompagnandolo da scalogno caramellato che a me fa letteralmente impazzire,e devo dire che il risultato mi è piaciuto talmente tanto che lo già inserito fra le varie ricette per le feste 

La preparazione è veramente semplice e la cottura decisamente veloce che consiglio di prepararlo prima ma di cuocerlo al ultimo momento in modo da servirlo caldo ,in questo modo la carne sarà veramente gustosissima e non stopposa ,come a volte succede cuocendo troppo la lonza di maiale.

Questo taglio di carne è  decisamente il prediletto per  arrosti anche se essendo una carne molto magra,spesso come capita anche per la fesa di tacchino o il petto di pollo risulta spesso asciutta e stopposa e quindi va cotta con le opportune accortezze che non lasciano spazio ad errori tenendo anche in considerazione che il maiale deve essere portato a cottura completa per la carica batterica per capirci non può essere lasciato rosa al cuore come capita per il rost beef .

Il lombo si può usare per l’arrosto ma a patto che sia completo di osso, filetto e un sufficiente strato di grasso di copertura o utilizzato per fare arrosti ripieni,in questo caso, può diventare un ottimo arrosto.

La lonza o lombata è praticamente la parte della schiena del maiale e comprende , carré, lonza e capocollo, dal carré si ricavano le braciole  con l’osso o i famosi arrosti dove sono ben visibili le costine dell’animale, la lonza, come già detto, si può consumare arrosto o a fettine per involtini e si trova prevalentemente senza osso, il capocollo o coppa che è  una parte della spalla, quella più vicina al collo del maiale,per intenderci, cioe la parte superiore della lombata. Con questo taglio si preparano alcuni salumi  e spesso  viene rifilato a formare un cilindro, perfetto per l’arrosto e anche molto saporito.

Spesso la lonza viene erroneamente scambiata per arista che è il termine utilizzato in toscana per identificare il carrè  è sembra risalire ad una leggenda del  XV secolo. Pare che ad un banchetto fiorentino del “concilio ecumenico” (riunione ecclesiastica), Brasilio Bressarione (cardinale bizantino) che gustando una ricetta a base di lombata  esclamò “aristos” , ovvero il migliore,che divenne dal greco al fiorentino  arista.

mini rollè di lonza

Ingredienti:

mini rollè di lonza

Lonza di maiale tagliata a fette sottili almeno 2 / 3 a testa

Fettine di speck  o prosciutto crudo1 per ogni fetta di lonza

fette di salvia per ogni mini rollè

scalogni

burro

olio

1 cucchiaino di zucchero

sale

pepe

1 cucchiaio di aceto

vino bianco

brodo se serve

Come si preparano i mini rollè di lonza:

Mettere in una casseruola larga un po’ di olio e un pezzetto di burro e fatelo scaldare,aggiungete gli scalogni puliti e tagliati a metà.

mini rollè di lonza

quando avranno preso colore sfumate con il vino bianco e fate cuocere per 10/12 minuti abbassando la fiamma e se necessario bagnare con un po’ di brodo.

A fine cottura aggiungete lo zucchero e il cucchiaio di aceto e fate evaporare.Mettete da parte.

Prendete le fette di lonza e adagiatele sul piano di lavoro.

mini rollè di lonza

Stendete sopra le fette di prosciutto o di speck e ripiegatele a metà.

mini rollè di lonza

Arrotolate e fermate con una foglia di salvia e spago da cucina.

In una padella rosolate i mini rollè salate e pepate e sfumate anche questi con un po’ di vino bianco,vate evaporare il vino e trasferiteli in una teglia da forno e versatevi sopra gli scalogni caramellati.

Mettete tutto in forno già caldo a 180°C per 10 minuti.

Servite caldissimi magari accompagnati da purè di patate.

Lascia un commento